OrmeView

24th PSYCHOBILLY MEETING @Pineda De Mar

today17 Luglio 2016 4

Background
share close

Venerdì 8 luglio dopo una giornata di lavoro e una lunga fila sulla route 66 Toscana ovvero la Fi-Pi-Li, Mr Bonobo riesce ad imbarcarsi sul volo, direzione Spagna e nello specifico Pineda de Mar. Cosa ci fa l’urlatore di Cavernicola in questa piccola cittadina a pochi chilometri da Barcellona? semplice è venuto per una festa che dura da 24 anni, ovvero lo “PSYCHOBILLY MEETING” manifestazione internazionale che ogni hanno chiama migliaia di persone, a cui piace questo genere musicale di nicchia chiamato psychobilly. Spiegare lo psychobilly e tutte le sue varianti sarebbe complicato, per semplificare le cose a chi mastica poco di generi musicali diciamo che è un giusta miscela tra il rockabilly e il punk.
E’ la prima volta che partecipo a questa manifestazione, che si concentra principalmente in due location, il Santi’s Beach Bar e la tensostruttura di pineda. Nel pomeriggio del sabato mi reco al Santi’s Beach Bar dove, tra una marea di tatuaggi e sangria, si esibiscono i “Kings Of Outer Space” con il loro rockabilly galattico, un sezione ritmica che picchia come un fabbro e due chitarre che s’intrecciano meglio del giunco. Tra una sangria e una birra il pomeriggio fila liscio e ci si prepara alla sera, dove il programma è da schizzata nel viso a una vergine. Soprattutto King Salami e suoi cumberland 3 una vera party band composta da elementi provenienti da tutto il mondo, che sprigiona la loro voglia di divertirsi e far casino coinvolgendo tutto il pubblico presente e sfondando la famosa quarta parete. A seguire gli idoli assoluti (insieme ai Nekromantix e a Sparky insieme a una delle sue ennesime band) i Batmobile, psychobilly old school, i tre olandesi volanti coinvolgono il pubblico con il loro concerto standard e facendo sesso con ogni singolo elemento presente colpendo fendenti di riverbero e colpi di rullante dentro ogni orecchio presente. La serata scivola via veloce, tra banchi di t-shirt, abiti da pin up e tutto ciò che può essere leopardato.
il giorno dopo puntuale al Santi’s Beach party parte il concerto, ma la band puzza troppo di vacca (il country non è il mio genere), quindi mi godo la spiaggia e la goliardia del popolo psycho. pistole ad acqua, gente in spiaggia vestita come se dovesse andare in montagna e tatuaggi a gogo su pelli bianche come il vinile “big beat from badsville” dei Cramps, la fanno da padroni.
La sera si replica, concentrandosi più sull’alcool che non sulla musica anche perché la stanchezza incomincia a farsi sentire. A colpi di Jägermeister, trovo i pochi musicisti italiani che suonano questo genere e ci scambiamo le opinioni sui vari gruppi e sulla manifestazione.
Cosa rimane da questa esperienza? zombie, leopardato, colori fluo, pin-up e vecchi rocker ma sopratutto la voglia di rockeggiare che sale ancora di più. Bisogna andare all’estero per godersi ancora del rock’n’roll? speriamo di no, perché sarebbe un peccato non poter godere della vera alternativa al sesso!

“Non sappiamo leggere la musica, ma siamo bravi a muovere il culo a tempo”
-Poison Ivy
psychobilly

Mr. Bonobo

Written by: Redazione

Rate it

Previous post

OrmeView

Loredana Bertè @Viareggio

Era il Festival di Sanremo 1986. Loredana Bertè saliva sul palco con un pancione posticcio, simulando una finta gravidanza. Stretta in un mini dress di pelle nera borchiata, da far invidia a Lady Gaga. Cantava “Re” e accennava una coreografia con due ballerine (assurdo se pensiamo alle esibizioni dei festival odierni). Ancora una volta Loredana faceva parlare di sé. Dando Scandalo e scalpore. L’eccessivo clamore per il look, ricoprì letteralmente […]

today14 Luglio 2016 21

Post comments (0)

Leave a reply


0%