OrmeRadio

24/7 On Air!

Traccia corrente

Titolo

Artista


I Dischi della Settimana by Germi

Scritto da il 24 Aprile 2017

Timber Timbre – Sincerly, Future Pollution                                                                                                                                                                                                                                                           (City Slang)

A tre anni di distanza dal sensualissimo Hot Dreams tornano i Timber Timbre con un nuovo disco lanciati sull’onda del dissenso verso l’elezione di Trump (nonostante siano Canadesi) e verso le sue politiche di spregiudicatezza in particolar modo verso le tematiche ambientali. Le atmosfere Black & White che caratterizzano lo stile musicale del quintetto di Ontario ci sono, così come la contaminazione tra il dark folk e i sentori nostalgici/vintage molto cari al sound di Bristol. Tuttavia, pur tenendo fede al classico umore oscuro, si sente un’apertura verso suoni più vicini alle colonne sonore di un certo cinema, strada già intrapresa col precedente lavoro. Un disco che non da molte speranze di salvezza. Una perla oscura direttamente dal Canada.

Francesco “alwaysmore” Marinelli

 

The Black Angels – Death Song                                                                                                                                                                                                                                                                                                    (Partisan Records)

Parliamo di psichedelia. Parliamo del ritorno dei Black Angels che da Austin, Texas ne sono fieri portabandiera. Death Song arriva a quasi quattro anni di distanza da Indigo Meadow che ne aveva consacrato indiscutibilmente l’attitudine a mescolare suoni garage e shoegaze con l’ottima tradizione psych statunitense. Ebbene Death Song non è da meno: anche i Texano lanciati sull’onda di proteste anti-Trump, il disco è un vero e proprio grido di dissenso, un urlo potentissimo verso le politiche del neo-eletto presidente degli stati uniti da un teritorio, il Texas appunto, per tradizione filo-repubblicano e conservatore. Il disco è deflagrante, a tratti violento. Poco spazio al relax, i Black Angels sono tornati incazzati, fatevene una ragione.

Tommaso “Hel-Ter” Bonaiuti


Opinione dei lettori

Commenta