OrmeView

Florence Tattoo Convention 2015 @ Fortezza da Basso

today16 Ottobre 2015 7

Background
share close

Quella di Firenze è sicuramente una delle Convention più belle d’Italia, fatta di passione, arte a trecentosessanta gradi di respiro internazionale, smorfie di dolore, battiti cardiaci accelerati per l’emozione di avere sulla propria pelle un po’ di inchiostro.

Orme Radio ha scrutato con i suoi occhietti  tutto questo, nella tre giorni della Florence Tattoo Convention alla Fortezza da Basso, ormai arrivata alla sua ottava edizione.

Con i miei amici radiofonici ho trotterellato incessantemente tra gli stand per ore, soffermandomi per ammirare le mani sapienti lavorare sulla pelle di sconosciuti. Ho osservato il pubblico della Convention cercando nei loro occhi quello sguardo curioso che ci accomuna. Ho dovuto tenere a bada il mio istinto animale che altrimenti mi avrebbe portata a scarabocchiarmi un altro po’ addosso ..e ammetto che è stato molto difficile. Però come ogni anno ho fatto incetta di bigliettini da visita, che sono essi stessi piccole opere d’arte e che adoro collezionare.

Ma la Florence Tattoo Convention non è solo tatuaggio ed è questo forse ciò che la rende speciale. E’ musica, è spettacolo, è merchandising, è street art, è un evento che abbraccia diverse forme d’arte e che ti fa venire voglia di conoscere cose nuove.

Dal concerto del “Colle der Fomento” con annesso dj set di Ninja e Max Casacci dei nostri cari Subsonica alle performance di body modification di Alexander Fuser, le esposizioni di ZED1 e anche del mio partnerino Fabrizio “Forma”, show di burlesque, rassegne cinematografiche sulle antiche tecniche del tatuaggio tradizionale, la presentazione del libro “Vorrei un tatuaggio color carne” di Paolo Fittipaldi. Insomma un mondo colorato e aperto alle contaminazioni, un mondo che ci piace e che vorremmo trovare anche nella vita di tutti i giorni.

E a quelli che ci chiedono sempre “E se poi te ne penti?” noi gli rispondiamo così:

“Quando c’è sentimento, non c’è mai pentimento”, come cantavano i Neri per Caso.

 

Maila Cocci

 

 

Written by: Redazione

Rate it

Previous post

OrmeView

“Ginevra Di Marco canta Mercedes Sosa”@ Auditorium FLOG – Firenze 26.09.015

Ginevra di Marco. Uno di quei nomi la cui fama è ben più nota del personaggio. Impossibile per qualsiasi rocker figlio degli anni '80 non ricollegare il suo nome ai C.S.I., nati dall'incontro di due band fondamentali per il rock italiano, che all'inizio degli anni '90 stavano attraversando un profondo momento di crisi: i CCCP di Giovanni Lindo Ferretti e Massimo Zamboni e i Litfiba di Gianni Maroccolo e Francesco Magnelli. Dalla convergenza di […]

today15 Ottobre 2015 2


0%