OrmeView

20 Albums of 2019 by Germi

today23 Dicembre 2019 2

Background
share close

Colpo di coda.

È questo il termine che più identifica un 2019 figlio di un decennio in cui si sono ribaltati, abbandonati, talvolta insultati e sbeffeggiati ideali e valori che un tempo avremmo considerato intoccabili, quasi sacri. Un decennio in cui la Politica, quella con la P maiuscola, ha ceduto il passo alla buffonaggine di un circo bullo e prepotente. Un decennio in cui l’impoverimento culturale diventa vanto e il populismo diventa legge, in cui si chiudono porti, si continuano a costruir muri e si parla ancora di colore della pelle o identità sessuale.

Un decennio, insomma, che sembra portarci indietro nel tempo di centinaia di anni ad una sorta di nuovo Medioevo culturale, di nuovo buio della ragione. E non è un caso che il reggaeton sia entrato la dove non pensavamo arrivasse mai, apprezzato da coloro che un tempo ascoltavano e definivano “indie” il proprio mondo, e va bene, ok boomer, ma la sensazione è che tutto si sia appiattito verso un qualcosa di indefinito ma decisamente meno impegnato ed impegnativo, quasi a voler stare al passo con il clima di impoverimento ci cui parlavamo poco sopra. La qualità della proposta si abbassa con l’esigenza della richiesta. Chiaro, drammatico ma chiaro.

Ed è qui che arriva il famoso “colpo di coda” in un 2019, se vogliamo, rivoluzionario: una nuova coscienza Politica sta tornado nelle piazze, i buffoni ridimensionati al proprio ruolo di pagliacci, barche che salvano vite restando umane e finalmente, dopo anni ed anni, una teenager svedese è riuscita a convincere il mondo che lo sviluppo sostenibile è l’unica via per combattere un cambiamento climatico sempre più palese e devastante. Perché alla soglia degli anni 20 (DUEMILAVENTI) “l’impresa eccezionale è essere normale”.

Tutto questo si è confermato in un meraviglioso riaffermarsi di quella chitarra elettrica urlante e graffiata che sembrava ormai sparita in chissà quali meandri.

Debutti fragorosi di gruppi come quello dei Black Midi (la vera bomba di questo 2019) e dei FONTAINES D.C. con l’eterna conferma di John Dwyer con la sua creatura più garage-fuzz Thee Oh Sees così come quei malandrini dei Fat White Family ci confermano che certa attitude a sconquassare folle poganti non è mai morta e, anzi, sta rinascendo più potente e incazzata che mai.

È l’anno di due grandi ritorni, poi: quello dei DIIV con un disco compatto, solido, frutto di uno Zachary Cole Smith nuovo, ripulito, finalmente fuori da quella turbolenta vita di eccessi che lo ha portato vicino a salutare tutti, e quello di Nick Cave, 10 anni con i Bad Seeds, con un luminoso e synthetico Gosthseen a chiudere una trilogia di album possenti e forse anche uno dei capitoli più dolorosi della sua vita.

Un cospicuo contributo ad abbellire questo 2019 con la propria musica è stato dato da dischi enormi di donne straordinarie: Angel Olsen, Cate Le Bon, Sharon Van Etten e FKA Twigs, eccellenza pura nelle produzioni di queste splendide cantautrici che, pur con stili diversi, delineano finalmente una netta e definitiva sconfitta del patriarcato musicale (sempre per rimanere in tema di regressione…).

E poi ancora: le atmosfere sospese e sognanti col debutto dei newyorkesi Crumb, un Thom Yorke innamorato e ballerino, la miglior disco-funk di Toro y Moi, la languida psichedelia dei Wand e quella più folk-fluida e zuccherosa dell’ormai ex-promessa (Sandy) Alex G. Ottime anche dal fronte sperimentazione jazz quest’anno: i nostri C’mon Tigre raccolgono i suoni da tutto il Mediterrraneo per metterli a mollo in bagni trip-hop mentre i Comet is Coming del “mastro” Shabaka Hutcings ci hanno esaltato con viaggi cosmici tra sassofono e UK Garage/Grime ci ha fatto esaltare non solo in disco ma anche in splendide performance live.

Un altro “king” è nato: Michael Kiwanuka ci porta letteralmente indietro nel tempo con le sue magnifiche sonorità ghetto-black soul mentre quel pacioccone di Helado Negro incanta il mondo con le sue chitarrine tropical ambient e cantato languido e distensivo.

Ma c’è un gruppo che più di tutti ha deliziato il mondo in questo 2019: ebbene sì, questo è l’anno dei Big Thief che, con due autentici capolavori dream folk in cui vulnerabilità e potenza si fondono insieme per un effetto letteralmente magico, si prendono di prepotenza tutta la scena in questo 2019.

E allora buon 2020 e che il nuovo decennio sia pieno di Buona Musica.

  • Black Midi – Schlagenheim
  • Angel Olsen – All Mirrors
  • The Comet Is Coming – Trust in The Lifeforce Of The Deep Mystery
  • Nick Cave & the Bad Seeds – Ghosteen
  • Big Thief – U.F.O.F. / Two Hands
  • Sharon Van Etten – Remind Me Tomorrow
  • (Sandy) Alex G – House Of Sugar
  • Fontaines D.C. – Dogrel
  • FKA Twigs – MAGDALENE
  • Helado Negro – This is How You Smile
  • C’mon Tigre – Racines
  • Thom Yorke – ANIMA
  • Michael Kiwanuka – KIWANUKA
  • Toro y Moi – Outer Peace
  • Wand – Laughing Matter
  • DIIV – Deceiver
  • Crumb – Jinx
  • Thee Oh Sees – Face Stabber
  • Cate Le Bon – Reward
  • Fat White Family – Serfs Up!

Written by: Francesco Marinelli

Rate it

Previous post

notwist lumiere pisa

OrmeView

Notwist live @ Lumiere Pisa

“I Notwist sono stati avant prima di te”. Cronaca del live della band tedesca del 22.11 al Lumiere di Pisa Quando il Cinema Lumiere di Pisa (autore di una programmazione sopraffina ormai da anni) ha annunciato una data dei Notwist, i miei occhi hanno brillato. Quella luce di adolescenza inquieta passata ad ascoltare “Neon Golden” ad occhi chiusi è di colpo balenata di nuovo e per un attimo sono tornato […]

today27 Novembre 2019 5


0%