Consegnato il premio “Giocatore del mese ORME AZZURRE” a Francesco Caputo

Consegnato il premio “Giocatore del mese ORME AZZURRE” a Francesco Caputo

1
344
0
martedì, 14 novembre 2017
Eventi

E’ stato consegnato oggi il premio per il “Giocatore del mese ORME AZZURRE” a Francesco Caputo, che si è aggiudicato il maggiore numero di voti nel mese di ottobre. Il riconoscimento ideato dalla redazione di Pianeta Empoli e da Orme Radio vedrà tutti i mesi la premiazione del giocatore azzurro che avrà ricevuto più voti da tutti gli ascoltatori di Orme Azzurre e tifosi dell’Empoli.
Il bomber di Altamura ha ricevuto il premio per ottobre consegnato dal Direttore Responsabile di Pianeta Empoli, Fabrizio Fioravanti, e dal Presidente di Orme Radio, Alessio Giorgetta.
Ricordiamo che il “Giocatore del mese – ORME AZZURRE” accompagnerà tutta la stagione dell’Empoli. Per scoprire come votare seguici sulle pagine fb di Orme Radio e Pianeta Empoli.

Qui di seguito riportiamo l’intervista del giornalista Alessio Cocchi a Francesco Caputo

” Questo non è forse il momento migliore per festeggiare qualcosa, anche perchè, se anche il mio inizio stagione è stato sicuramente importante a me piace sempre ragionare mettendo davanti la squadra ed il gruppo e non il singolo. Detto questo mi fa però enormemente piacere ricevere questo premio e ringrazio tutti i tifosi che mi stanno sostenendo fin dal primo momento in cui sono arrivato qui. La partita di Vercelli ci insegna per l’ennesima volta che in serie B non basta solo la qualità ma bisogna mettere dentro un po’ di cattiveria e di ignoranza, oltre all’impegno. Adesso abbiamo due partite in casa importantissime, iniziando da quella che sabato prossimo ci vedrà opposti al Cesena, gara assolutamente da non sottovalutare perchè è una squadra che sta comunque facendo bene in questo periodo. Noi dobbiamo lavorare a testa bassa cercando di limare questi dettagli che al momento ci tolgono qualcosa. Al mister spetta il discorso tecnico-tattico, non entro in merito a quelle che potranno o dovranno essere le scelte, noi in campo dobbiamo pensare a rimboccarci le maniche e dare qualcosa di più, tutti, tornare ad essere umili come eravamo all’inizio e non pensare alla classifica. Quando arrivi in una squadra nuova non sai mai come puoi partire o come può andare l’inizio di stagione ma se ho fatto undici gol e merito anche dei miei compagni. In questi momenti un po’ difficili abbiamo bisogno anche del pubblico che sono certo in queste due gare in casa, cosi come è stato fin qui, ci darà una grossa mano.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *